VUT, Format vincente non si cambia

Presentata oggi la Valmalenco Ultradistance Trail. Gli iscritti a quota 270

Il comitato organizzatore ©ufficio stampa VUT

A un mese esatto dal via (che sarà il fine settimana del 20 e 21 luglio) gli iscritti sono già a quota 270, con 50 staffette da tre elementi e 120 atleti sulla prova più lunga e impegnativa. A dichiararlo sono stati gli organizzatori della Valmalenco Ultradistance Trail, durante la conferenza stampa che si è svolta oggi, 20 giugno 2018, presso il rifugio Motta in Alta Valmalenco. Una cornice d’eccezione quella di questo inusuale appuntamento in quota, con vista sul lago Palù da una parte e sulla bassa valle dall’altra. Per raccontare qualcosa di più su questa bella kermesse podistica, nata lo scorso anno con l’intento di valorizzare il territorio e le svariate realtà ad esso collegate. Doveva essere a cadenza biennale, così almeno era stato detto, ma il successo riscosso ha spinto l’organizzazione a cambiare idea. E così eccoci quasi al via, anche quest’anno, con la seconda edizione di questa competizione, che nulla sembra avere da invidiare alle colleghe più blasonate. Il format rimane lo stesso (prova individuale oppure staffetta da tre elementi), così come il tracciato di gara. Formula vincente non si cambia, verrebbe da dire. Perché la VUT, con i suoi 90 km di sviluppo e i suoi 6.000 metri di dislivello positivo piace così: dura e impegnativa, adatta ad un bacino di runner che in montagna ci sanno stare. Abituati ai terreni tecnici e alla quota. Abituati alla fatica. Già, perché il punteggio che l’ITRA ha assegnato a questa competizione è abbastanza per togliere ogni dubbio: 5 punti, che per una gara di questa distanza sono decisamente tanti. Una splendida cavalcata a fil di cielo che valorizza i sentieri dell’Alta Via andando a toccare ben 15 rifugi, con 4 scollinamenti oltre quota 2.600 metri. Nella formula a staffetta a 3 elementi, dedicata a chi magari non se la sente di mettersi alla prova sull’intero tracciato, le frazioni sono da 33, 39 e 18 chilometri.

Franco Collè, vincitore nel 2017 ©ufficio stampa VUT

A fare gli onori di casa ci ha pensato il presidente del comitato organizzatore e vera anima della VUT Fabio Cometti, che ha salutato le autorità intervenute. I dettagli circa il tracciato sono stati invece esposti dal responsabile del percorso Paolo Moriondo: «Forti dell’esperienza fatta lo scorso anno, abbiamo pensato alcune migliorie che ci permetteranno di proporre una VUT ancora più bella. I feedback dei concorrenti e degli addetti ai lavori ci hanno convinto ad anticipare data e orario di partenza al fine di guadagnare due ore di luce e fare evitare al maggior numero di concorrenti possibile una seconda notte di gara. La data da segnarsi in agenda è quella di venerdì 20 luglio: mentre lo start sarà dato alle 23 nella centralissima piazza di Chiesa in Valmalenco per la prova principe, in concomitanza da località Pradasc di Lanzada partiranno i primi frazionisti della gara a staffetta. In un’ottica di massima sicurezza, ogni concorrente sarà monitorato lungo tutto il percorso grazie a un sistema gps».

Fabio Cometti del comitato organizzatore durante la conferenza stampa ©ufficio stampa VUT

Ma l’anima pulsante, il cuore della VUT, sono i volontari che si adoperano per rendere unico e indimenticabile l’evento. «Senza i volontari, oltre 100 – ha raccontato Cometti – tutto questo non sarebbe possibile. Volontari e sponsor che ci sostengono anche materialmente. Tiziano Della Cagnoletta, ad esempio, ci ha donato un bivacco mobile che porteremo nella Valle dello Scerscen, in uno dei punti più selvaggi e alpinistici del percorso. Un baluardo importante per atleti e per uomini del soccorso».

Il nuovo bivacco ©ufficio stampa VUT

Attualmente sul percorso, in quota, c’è ancora neve. In merito il comitato ha garantito che terrà monitorato il tracciato nell’arco del mese che ci separa dalla gara. In caso di maltempo è già stato predisposto un percorso alternativo per bypassare i punti più pericolosi. Rispetto allo scorso anno è stato anche aumentato il numero del personale dedicato al primo soccorso ed è stato garantito, a passo Ventina, un presidio fisso del Soccorso Alpino.

www.ultravalmalenco.com/it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.