Tutto pronto per la trentacinquesima Transcavallo

In programma da venerdì 16 a domenica 18 febbraio. L'ultima gara valida come campionato italiano

709

Sulle montagne dell’Alpago nevica, sorridono gli organizzatori della trentacinquesima edizione della Transcavallo, la gara a squadre in programma da venerdì 16 a domenica 18 febbraio. Anche in questa occasione, dopo la collaborazione per i Mondiali del 2017 e precedentemente con le due gare di Coppa del Mondo nel 2016, confermato lo stretto legame con il polo sciistico di Piancavallo e soprattutto con il suo direttore Enzo Sima. A febbraio, il comitato organizzatore presieduto da Diego Svalduz, ha studiato una formula inconsueta che vedrà gli atleti raggiungere Piancavallo al termine della prima tappa, pernottare in hotel, e la mattina successiva ripartire alla volta dell’arrivo di Col Indes. Il terzo giorno, la gara sarà valida anche per assegnare i titoli tricolore, si percorreranno le tracce alpinistiche con ben nove vette poste nei territori di confine con a chiudere la discesa ‘Mondiale Val Salatis’ e il ‘canalino delle placche’ che porta sulla vetta del Guslon con i suoi 50-55° di pendenza. Una formula che non prevede lo spostamento di autovetture da parte delle squadre, una sorta di viaggio agonistico eco-sostenibile che ancora una volta collega, come vuole la tradizione, l’Alpago e Piancavallo. C’è la possibilità di iscriversi a a tutte e tre le tappe oppure partecipare solamente alla prova tricolore. Il montepremi è di oltre 20.000 euro con un assegno di 3500 euro per la prima squadra classificata al termine dei tre giorni. Sul sito web www.transcavallo.it sono ancora disponibili 20 pettorali per la gara a tappe, mentre per il campionato italiano non ci sono limiti di partecipazione. In abbinata alla competizione si svolgerà anche la Transcavallo Classic, una sorta di raduno, dove i partecipanti (numero massimo 100 iscritti) accompagnati dalle guide alpine, non solo anticiperanno il passaggio dei concorrenti, ma lungo il tragitto e nei rifugi interessati troveranno un’accoglienza speciale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.