Tor in gamba, 9 atleti amputati sulle alte vie 1 e 2 della Valle d’Aosta

Il via sabato 12 settembre da Courmayeur

Il singolo non conta, i valori da condividere sono altri. Perché percorrere i 342 chilometri e 24.000 metri di dislivello positivo che uniscono Courmayeur attraverso l’Alta Via n. 1 e n. 2 della Valle d’Aosta sarà un viaggio. Ecco la sostanza di Tor in Gamba, al via il 12 settembre prossimo da Courmayeur, percorso da nove atleti amputati che non saranno mai soli. Accanto a ognuno di loro, atleti disabili, ci saranno un accompagnatore personale e una serie di compagni. Il progetto è nato grazie alla collaborazione tra Team3Gambe, Gamba in spalla e un gruppo di amici.

La partenza di Tor in Gamba avverrà da Courmayeur alle 10 di sabato 12 settembre. I nove endurance trailer e i loro accompagnatori avranno tempo fino alle 16 di sabato 19 settembre per completare le 30 tappe del programma della staffetta. Le trenta tappe del Tor ripercorrono il tracciato già utilizzato al Tor des Géants. Si partirà da Courmayeur – Piazza Brocherel – alle 9 del mattino di sabato 12 settembre e la prima frazione assicura già 1.411 metri di dislivello positivi e 578 negativi nei 12 chilometri di sviluppo. La tappa regina di Tor in Gamba è la numero 8. Il menu prevede 1.624 metri di dislivello positivo e 1.697 negativi per coprire la distanza di 24,5 chilometri che separano Eaux Rousse, nella Valsavarenche, da Cogne.

«Abbiamo studiato le tappe – dice Sergio Enrico, disegnatore del percorso – a misura dei nove atleti amputati che saranno al via. Ma non basta. Ognuno di loro presenta caratteristiche fisiche differenti a seconda dei diversi handicap fisici. L’idea della staffetta nasce dal rispetto delle capacità di ogni atleta che sarà impegnato nell’evento. Alcuni di loro percorreranno tratti più lunghi, altri più brevi, alcuni cammineranno in salita, altri in discesa. I trailer saranno impegnati giorno e notte coprendo, a turno con cambi di staffetta in luoghi messi a punto dall’organizzazione, quattro tappe nell’arco delle 24 ore. La base vita del Tor sarà a Villeneuve, presso l’Hotel des Roses dove gli atleti troveranno massaggiatori pronti a prendersi cura dei propri muscoli, pasti caldi, docce e camere dove riposarsi.

I nove paratleti al via saranno Andrea Lanfri, Cesare Galli, Francis Desandrè, Lino Cianciotto, Massimo Cavenago, Massimo Coda, Salvatore Cutaia, Loris Miloni e Moreno Pesce.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.