Sellaronda: iscrizioni chiuse dopo quattro giorni

In arrivo mille atleti da dieci nazioni

«Una richiesta tanto elevata di domande d’iscrizione in così poco tempo non si era mai vista!»
Queste sono le prime parole di Oswald Santin, coordinatore del Comitato Organizzatore del Sellaronda Skimarathon, non appena il sito ufficiale della manifestazione ha pubblicato la starting list provvisoria. «Abbiamo aperto le iscrizioni il 2 gennaio – ha continuato Santin – e le abbiamo chiuse lunedì 7 gennaio nel pomeriggio. Però, per una prima verifica dei nomi, abbiamo dovuto chiuderle temporaneamente nelle giornate di sabato e domenica. Praticamente in ottanta ore abbiamo registrato quasi 500 squadre, vale a dire 1000 "sellarondisti"».
La segreteria operativa della manifestazione si è riservata alcuni pettorali da assegnare alle richieste dei top skiers che arriveranno nelle prossime settimane.

ATLETI DA TUTTA EUROPA – Tra le nazioni rappresentate, oltre all’Italia, troviamo Austria, Germania, Svizzera, Slovenia, Polonia, Spagna, Svezia, Danimarca, Slovacchia e Gran Bretagna.

La Sellaronda Skimarathon è considerata la Formula 1 dello scialpinismo. Michele Boscacci, figlio d’arte e vincitore della passata edizione insieme al compagno di nazionale Lorenzo Holzknecht, ha definito così la Maratona che tocca le province di Bolzano, Trento e Belluno: «Correre il Sellaronda è come disputare quattro "Vertical" uno dopo l’altro, l’unica differenza è che devi pensare a dare il massimo anche in discesa».

IL FASCINO DEL SELLARONDA – I 42 chilometri di sviluppo e gli oltre 2700 metri di dislivello positivo per affrontare i quattro passi dolomitici del Pordoi, del Sella, del Gardena e del Campolongo, non spaventano i concorrenti, anzi regalano al Sellaronda un fascino particolare, rendendo questa gara unica nel suo genere. Qui la notte e l’oscurità regalano le emozioni più belle. Con il buio la scia dei mille "sellarondisti" che risalgono le piste da sci e avvolge tutto il gruppo del Sella è uno spettacolo incredibile. La salita segue un ritmo lento, la discesa è mozzafiato. Ognuno sceglie la sua traiettoria, individua la linea migliore e illumina il percorso grazie alla frontale posizionata sul casco. La velocità è impressionante, la penombra non incute timore alle mille lucciole che scendono verso valle sotto il cielo stellato.

NOMI IMPORTANTI TRA GLI ISCRITTI –Questa è la poesia del Sellaronda, ma questa da sola non basta perchè il Sellaronda è agonismo, è sfida, è competizione per questo non mancano nella lista di partenza i nomi importanti del panorama internazionale dello scialpinismo come la squadra italo-slovena, giunta terza a Corvara lo scorso anno, formata da Filippo Beccari e da Nejc Kuhar. Ci sarà il giovane fenomeno austriaco Anton Palzer che correrà in coppia con Rene Fischer. Tra gli italiani da segnalare Graziano Boscacci (vincitore nel 2001) in coppia con Thomas Martini che come miglior prestazione può vantare un secondo posto nel 2010 e la coppia formata dal piemontese Filippo Barazzuol e dal valdostano Franco Collè. Per quanto riguarda i nomi di spicco tra le donne, la vincitrice dello scorso anno Judith Grassl (in coppia con Barbara Gruber) parteciperà alla gara con il figlio, Lukas. Annemarie Gross, vincitrice nel 2008 e nel 2010 gareggerà con la "ragazzina degli Ottomila", Tamara Lunger. Da non dimenticare Raffaella Rossi e Laura Besseghini terze insieme nel 2011. La Besseghini lo scorso anno, in coppia con Tatiana Locatelli, salì sul secondo gradino del podio.

Gli atleti hanno iniziato ad allenarsi già con le prime nevicate, ma anche il Comitato Organizzatore non è stato da meno. Le vallate ladine di Livinallongo, Fassa, Gardena e Badia si stanno preparando per vivere un’altra incredibile edizione del Sellaronda Skimarathon che emoziona chi gareggia e che lascia a bocca aperta tutti quelli che decidono di essere spettatori di questo show  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.