Pelvoux 2013: il giorno della riscossa azzurra

Nelle gare vere i giovani confermano di esserci

Oggi a Puy St. Vincent si è disputata l’Individual Race che assegnava i titoli mondiali ai giovani. Quanto la giornata di ieri è stata condizionata da fattori ‘esterni’ al campo, quanto oggi il campo stesso ha invece determinato i valori.  

Ecco i podi:
 
Cadetti F
1. Fanny Meinet-Cordonnier 58′ 32" 5
2. Adele Milloz 59′ 19" 2
3. Giulia Compagnoni 1h 00′ 17" 3  

Cadetti M
1. Davide Magnini 43′ 18" 9
2. Simon Bellabouvier 44′ 36" 7
3. Pietro Canclini 45′ 48" 1   

Junior F
1. Alba De Silvestro 52′ 06" 4
2. Sophie Mollard 52′ 57" 8
3. Inka Belles Naudi 55′ 53" 5  

Junior M
1. Anton Palzer 1h 11′ 20"
2. Nadir Maguet 1h 16′ 24"
3 Remi Bonnet    1h 18′ 25"  

Dopo una serie di reclami e controreclami, e due riunioni di giuria, Michele Pedergnana resta al quarto posto. Una penalità mal comunicata aveva retrocesso Bonnet, terzo sul campo. L’illusione è durata ancora per qualche tempo dopo la gara, ma alla fine la penalità è stata ridotta e Pedergnana è ritornato quarto.

Gara interessante, con discese bellissime in neve soffice, che come sempre hanno inciso sui risultati finali, anche se oggi erano veramente facili. Giulia Compagnoni, per esempio, transitava ancora prima sull’ultima salita, cedendo alle due francesi solo nell’ultima discesa. Pietro Canclini ha dovuto scendere molto prudentemente per la rottura di uno scafo, e Faifer è addirittura precipitato dal podio alla diciassettesima posizione per una leva rotta. Quando le discese sono lunghe Davide Magnini fa la differenza anche lì, con la sua velocità regolare. Oggi è stato uno dei più veloci nella powder francese.
Alba De Silvestro ha condotto dall’inizio alla fine, e probabilmente si è anche risparmiata.        

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.