Palaronda a Pasquetta

Penultima tappa della Coppa delle Dolomiti

La gara che prende il via da San Martino di Castrozza a 1470 metri si svolge in uno scenario stupendo al cospetto delle Pale di San Martino. Quest’anno il percorso dovrebbe essere quello tradizionale se le condizioni del manto nevoso rimarranno stabili come a tutt’oggi.
Dal paese si sale, parte in pista e poi decisamente fuori con tratto tecnico a piedi, fino alla stazione a monte della funivia a quota 2600. Una breve discesa in direzione dell’altipiano passando vicino al rifugio Rosetta e via di nuovo in saliscendi fino a raggiungere lo splendido Passo Pradidali Alto (2710 mt). Da qui ha inizio una bella discesa  (500 mt di dislivello) porta al rifugio Pradidali (punto di ristoro) da dove parte l’ultima ascesa, 400 mt di dislivello in salita fino a raggiungere nuovamente  l’Altopiano delle Pale attraverso il Passo Pradidali Basso per poi tornare verso la funivia e ripercorrere in discesa  lo stesso percorso della salita, prima a piedi, poi con gli sci fino a raggiungere  la stazione a valle della cabinovia del Colverde. Sono 1700 i metri di dislivello. Un tracciato che ha uno spiccato carattere alpinistico (c’è un bellissimo canalone da fare con i ramponi) con tratti ripidi e tecnici e tratti non faticosi nei quali si riesce a riprendere fiato. Le discese sono bellissime e non banali.

La lotta per la vittoria finale nella Coppa delle Dolomiti vede saldamente al comando Guido Giacomelli, in campo femminile la sfida finale è più serrata con Sabrina Zanon e Maddalena Wegher, alle loro spalle subito Orietta Calliari.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.