Oltre 400 concorrenti alla Sky Race Dolomiti Friulane

Le condizioni meteo avverse hanno costretto ad una variazione di percorso

I 408 "corridori del cielo" non si sono intimoriti dalle minacce meteorologiche annunciate alla vigilia di gara con possibili bombe d’acqua, grandinate e tempeste di fulmini. Il comitato organizzatore della Società Sportiva Fornese ha optato per un percorso di riserva dovendo forzatamente evitare le alte forcelle del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane a tutela della sicurezza degli atleti.

SI CORRE LUNGO IL TORRENTE GIAF –
La scelta è caduta sull’adiacente valle del torrente Giaf, caratterizzata da morene glaciali, vegetazione rigogliosa ed abbondanza d’acqua: uno scenario naturale tutt’altro che di ripiego, situato ai piedi delle Dolomiti Friulane.
Anche dal punto di vista agonistico il percorso alternativo si è rivelato impegnativo al punto giusto, con salite ripide, discese tecniche e tratti a mezza costa, che richiedono capacità di correre su ogni terreno che la montagna presenta; solo la distanza ed il dislivello sono stati, volutamente, ridotti a 18 km per circa 1000 metri di dislivello positivo: più che sufficienti considerando l’incertezza del meteo. Grande il dispiegamento di forze da parte del comitato organizzatore con il supporto di numerosi volontari, locali e non, tanto in quota che nella gestione della logistica e dei servizi in valle: d’altro canto questa gara è il clou sportivo dell’estate a Forni di Sopra e non si può lasciare nulla al caso.

VINCE LO SLOVENO ZARNIK – Veniamo alla cronaca della corsa, che ha visto lo sloveno Sebastjan Zarnik del Kgt Papez vincere con il tempo di 1 ora e 27 minuti distanziando di tre minuti il Nazionale della Repubblica Ceca Pavel Bridl, quest’anno portacolori della Società Sportiva Fornese. Terzo posto per Antonello Morocutti dell’ US Aldo Moro. In campo femminile ritorna alla vittoria Carla Spangaro (Timaucleulis) che bissa il successo ottenuto nel 2006, secondo posto per la skyrunner del Sudtiroler Laufverein Anna Pedevilla, terza la giovane Maria Dimitra Teocharis della Carniatletica. Oltre ai premi di categoria sono stati assegnati premi speciali ai concorrenti che più si sono avvicinati al tempo medio di gara, la vittoria femminile è andata a Katia Zotti (Evinrude R.I.T.mo) mentre quella maschile a Rolando Milanese (CAI Calalzo). La breve pioggia caduta per pochi minuti durante la gara non ha creato problemi a organizzatori e concorrenti arrivati da varie regioni italiane e da alcuni stati esteri, tra i concorrenti anche il Presidente di Promotur Stefano Mazzolini.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.