Meno due al Mezzalama

Cerchiamo di scoprire punti di forza e debolezze dei top-team

Abbiamo analizzato l’ordine di partenza del Mezzalama e individuato alcune pattuglie tra le più accreditate al successo finale. Chiarmante potrebbero esserci outsiders che puntano al podio, ma su un percorso di questa difficoltà è difficile che i valori assoluti vengano sovvertiti. Vediamo i pro e i contro di quelle che abbiamo scelto come le più accreditate. Nello spazio ‘commenti’ potete esprimere la vostra opinione, per arricchire le considerazioni della redazione.

UOMINI

Blanc, Bon Mardion, Jornet Burgada
Pro: sulla carta i favoriti, i più forti.
Contro: il pronostico li obbliga a vincere, sentiranno la pressione, teniamo anche in considerazione che Kilian non si è mai misurato a fondo con questa gara, la scorsa edizione non ha partecipato e quella prima si era ritirato già dalle parti di Plateau… 

Giacomelli, Holzknecht, Pellissier

Pro: esperienza, il carisma di Guido in gruppo si sente, in discesa comanda lui.
Contro: Pellissier soffre la partenza e la pista, nessuno conosce il suo reale stato di forma: c’è chi sostiene che da test effettuati viaggi sugli stessi tempi di due anni fa.

Eydallin, Trento, Lenzi 
Pro: squadra affiatata, vincitori dell’ultima edizione ma con Reichegger, Lenzi in grande forma.
Contro: se davanti  forzano il ritmo da subito si staccano, nella precedente edizione Trento aveva patito la prima parte poi si era ripreso.

Seletto, Lanfranchi, Pedrini
Pro: Seletto è una garanzia al Mezzalama, sul lungo sa gestire molto bene la gara, Lanfranchi non si discute, Pedrini la scorsa edizione è stato un leone.
Contro: possono reggere ad una partenza a tutta del team di Kilian? Pedrini in discesa non tiene il ritmo dei primi anche se seguendo le giuste tracce non dovrebbe avere problemi.

Boscacci, Antonioli, Pinsach
Pro: giovani, voglia di stupire, lo scorso anno avevano ottenuto il settimo tempo fuori gara.
Contro: sul lungo non tengono i ritmi e Antonioli arriva spremuto da una stagione strepitosa, Pinsach non vola in discesa.

Ecoeur, Anthamatten, Marti
Pro: Anthamatten può fare la differenza. Due-terzi della pattuglia extraterrestre della Patrouille, cosa rimane loro di extraterrestre?
Contro: Marti non tiene il lungo? Quest’anno si è espresso bene nelle sprint anche se qualcuno sostiene che abbia anche una grande tenuta.

DONNE
Roux, Mirò, Etzensperger
Pro: squadra da battere.
Contro: se la Roux e la Miro non aspettano la Etzensperger questa può saltare.

Pedranzini, Martinelli, Pellissier

Pro: tanta esperienza, non temono il lungo e nemmeno la quota.
Contro: Pellissier tiene il passo delle due Bormine?

Favre, Magnenat, Gex-Fabry
Pro: affiatamento e regolarità.
Contro: i ritmi iniziali della avversarie per loro sono impossibili da tenere.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.