Le mascherine Crazy

Anche l’azienda valtellinese sta producendo l’articolo più richiesto del momento, che fornisce gratuitamente alla Protezione Civile locale

Oltre 10.000 mascherine protettive donate alla Protezione Civile perché vengano distribuite gratuitamente a negozianti e associazioni locali. Sono questi i risultati del lavoro di Crazy, l’azienda valtellinese specializzata nella produzione di abbigliamento per lo skialp e il trail running. Lo scrive Valeria Colturi in un post sull’account social dell’azienda. Si tratta di prodotti lavabili e riutilizzabili, realizzati con i materiali impermeabili e traspiranti utilizzati per i capi d’abbigliamento fast & light. Non sono presidi medici, richiedono comunque il rispetto delle regole prescritte, ma possono però essere utili per persone che sono in contatto con il pubblico, perché proteggono le altre persone da schizzi e secrezioni grossolane. La produzione quotidiana è arrivata a circa 700 pezzi e la confezione viene realizzata a casa da un centinaio di persone, mentre alcune aziende fornitrici hanno regalato parte dei materiali utilizzati. Negozianti e associazioni della provincia di Sondrio possono farne richieste telefonando al numero 0342 212524.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.