Kuhar, dallo skialp al vertical

Intervista esclusiva con il vincitore della gara di ieri

Parliamo con Nejc Kuhar subito dopo la premiazione del Vertical Kilometer. Il ‘Becca assiste per tradurre eventualmente, ma ci intendiamo bene in quell’inglese improbabile che però in montagna funziona perché ‘deve’ funzionare.

Ciao Nejc, complimenti per l’ impresa di oggi perché è stata davvero una dura battaglia negli ultimi 300 metri.  Presentati ai nostri lettori…
«Grazie! Ho 27 anni, ho appena finito gli studi un mese fa e per adesso faccio un po’ di imbiancature così ho tempo di allenarmi. Mi sono anche sposato proprio un mese fa! (coglie l’attimo e saluta la moglie).

Ma cos’è successo oggi negli ultimi 50 metri? … eravate appaiati dopo lo scollinamento, poi hai vinto con 19 secondi su Saul Padua.

«Quando mancavano 100 metri ero in vantaggio di 20 secondi su di lui e su Kilian. Poi lui è partito a tutta, pensava che il gonfiabile in cresta fosse l’arrivo».

… E poi?
«Ah!  Era stanco!!! … al pallone ha molto rallentato e io l’ho raggiunto e l’ho seguito. Gli ultimi 50 metri erano ripidi, io avevo i bastoni e lui no – e complimenti perché ha fatto tutta la salita senza!  E’ stato grande! – ma io ero davvero contento di avere i bastoni!»

Senti Nejc, in Italia ti conosciamo perché nello scialpinismo corri in coppia con il nostro Filippo Beccari. Ma qual è la tua stagione agonistica principale?

«Sicuramente l’inverno! La montagna invernale è il massimo della bellezza e allora mi alleno solo con gli sci per tutta la stagione…niente running per sei mesi!ı

Vivi in montagna?

«Praticamente sì, in pochi minuti raggiungo in auto le piste»

Si avvicina il ‘Becca’ e gli chiediamo dei loro allenamenti
«Sì, Nejc si allena duro e molto seriamente. Da lui la quota è un po’ bassa, così verso ottobre viene qui a casa mia e per un paio di mesi ci alleniamo insieme, magari sulla neve programmata… è meglio in due che da soli! (si capisce subito che si divertono, ndr)

Nejc, quanti giorni con gli sci ai piedi in una stagione?
«Dovrei guardare il mio diario degli allenamenti. Quest’ultima stagione ho sciato di più, direi oltre 140 giorni in una stagione che da novembre finisce ad aprile, quindi sei mesi in cui scio e basta…e niente running, del tutto».

E quanti giorni di running in una settimana estiva?
«Non faccio molto, al massimo 5 o 6 uscite alla settimana…quest’anno non ho fatto niente fino a tutto giugno almeno… per scaricare. Ma poi ho ricominciato solo con qualità, qualche ripetuta, lavori intervallati, niente lunghi: così, tanto per preparare questo Vertical»

Il prossimo inverno vi rivedremo ancora gareggiare insieme? Siete un team che funziona molto bene.
«Certamente, e contiamo di migliorare ancora!».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.