Kilian a nudo

Il rischio, la leggerezza, la velocità, il rapporto con Steck e con Brosse, l’acclimatamento, la scelta del materiale, l’allenamento, la testa. Quello che abbiamo sempre voluto chiedere al re della velocità

© Matti Bernitz/Lymbus

Da Steck a Jornet. Skialper 130, dedicato all’alpinismo, agli alpinismi, ai modi di intendere i nuovi alpinismi nei quali il fast & light ha un ruolo importante, si apre con Ueli e non può che chiudersi, dopo una carrellata di personaggi eccezionali, con Kilian. Perché rappresentano due strade diverse per arrivare alla velocità con ingaggio, quella dell’alpinista e dello skyrunner. Due strade che partono lontane, ma che a un certo punto corrono parallele fino a incrociarsi. Ma pur sempre due strade diverse. Non c’è dubbio che curiosità e sperimentazione abbiano accomunato questi giganti delle montagne e siano i fattori che li hanno fatti incontrare e dialogare. Ueli ha scritto la storia del fast & light, Kilian anche e ha ancora margini per scriverne altre di pagine. Lo abbiamo intervistato tante volte, ma mai eravamo andati tanto in profondità su argomenti come rischio, leggerezza, ingaggio, acclimatamento, attrezzatura, tecnica o allenamento. E anche sul suo rapporto con Ueli, of course.

Ecco un’anticipazione, quello che ci ha detto sul suo rapporto con Ueli Steck: «Abbiamo scalato insieme in Nepal, intorno a Chukkung. Abbiamo parlato molto di allenamento, approccio alpinistico alle grandi vette, acclimatamento, alimentazione. Un giorno ero a casa e, parlando, mi ha chiesto se avessi mai scalato l’Eiger. Io ho risposto di no, così mi ha detto di andare a trovarlo il giorno dopo a Interlaken, ho preso l’auto e la mattina siamo andati a Grindelwald. Abbiamo parcheggiato, una corsa fino alla parete, poi siamo saliti in simul-climbing, ma non così velocemente, solo godendocela e scattando foto. Dalla macchina alla macchina ci abbiamo messo dieci ore. Il suo è un approccio molto interessante, si è allenato tanto, ha curato ogni dettaglio ed è sempre stato aperto a provare il nuovo e a evolvere. Ogni uscita con lui è stata ricca di insegnamenti!».

© Philipp Reiter

E a proposito del diverso approccio all’ingaggio in quota di chi arriva dal trail running e chi dall’alpinismo? «Probabilmente la differenza sta nelle capacità tecniche e fisiche all’inizio più che nella visione, io devo concentrarmi sulla tecnica e loro lavorano sul fisico. Penso che gli stili siano molto simili, è solo il nostro background a essere diverso».

Skialper 130 di giugno-luglio, ora in edicola e prenotabile nel nostro online-shop

© Kilian Jornet

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.