ISMF-LGC, la parola ai protagonisti: Marco Mosso

154
Il colonnello Marco Mosso ©Ufficio stampa ASIVA

Marco Mosso è il presidente della commissione scialpinsmo in FISI, oltre che membro del direttivo della ISMF. Anche a lui abbiamo chiesto le impressioni sulla querelle FISI-LGC.
«Partiamo dal capitolo calendario FISI: abbiamo una cinquantina di gara in programma, siamo pronti ad accogliere a braccia aperte le prove italiane della LGC, ma devono adeguarsi alle nostre norme. Non è una imposizione, sia chiaro, ma sono le regole dello statuto della FISI, riconosciuto dal CONI. Per noi è un punto fermo perché non possiamo violare il regolamento. Dal punto di vista della Nazionale e dello sci-alpinismo agonistico in Italia, credo che molto sia stato fatto e moltissimo sia da fare. La FISI ha raddoppiato il budget, la consegna dell’Audi a Michele Boscacci, la prima in assoluto per uno scialpinista, la conferma di Karpos, sono per citarne alcuni, credo che siano segnali che lo ski-alp è considerato in federazione».
Sul rapporto ISMF-LGC?
«Continuo a ribadire la mia idea: sono due facce della stessa medaglia e dispiace si sia arrivati a questo punto. Il problema lo conoscete tutti, è stato lo scontro sulle date dei Mondiali e della Pierra Menta. Confermo che era impossibile spostare la data dei Mondiali e alla fine è stato impossibile trovare una soluzione. Ma per la ISMF il valore di questi Mondiali è elevatissimo, non solo come rassegna iridata, ma perché Villar sarà la sede delle gare di Losanna 2020, i giochi olimpici giovanili, come sapete. Saranno Mondiali sotto osservazione del CIO e con i vertici del CIO pronti a seguire la rassegna iridata».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.