Il 21 aprile la Marmoleda Full Gas

Martin Riz anticipa il percorso della gara

Sabato 7 aprile 2012 – Il panorama delle gare di sci alpinismo trentino e nazionale si arricchisce di una nuova ambiziosa competizione, destinata a diventare un classico di fine stagione. Si chiama «Marmoleda Full Gas Race» la nuova kermesse ideata da un gruppo di appassionati fassani con grande esperienza organizzativa come Diego Salvador (presidente del Comitato Organizzatore della Dolomites Skyrace), Ivano Ploner (vicepresidente del Comitato Organizzatore della Dolomites Skyrace), Oswald Santin (presidente del Comitato Organizzatore della Sellaronda Skimarathon), Mauro Sommavilla (presidente dell’Associazione Sportiva Bela Ladinia), Valerio Lorenz (vicepresidente dell’Associazione Sportiva Bela Ladinia) e Martin Riz (vicepresidente del Soccorso Alpino Alta Val di Fassa), che hanno deciso di dare vita ad un evento sulla regina delle vette trentine, la Marmolada.
La manifestazione si svolgerà sabato 21 aprile con partenza alle ore 8, e si annuncia una gara dagli elevati contenuti con un dislivello positivo di 2100 metri, toccando le cime più alte della Marmolada e con una percorrenza prevista per i primi di circa 2 ore e un quarto.
Il tracciato di gara è stato definitivo e grazie alla quota elevata di alcuni punti si presenta in eccellenti condizioni. «In Val di Fassa – racconta Martin Riz – abbiamo una delle montagne in assoluto più affascinante come la Marmolada, poco sfruttata agonisticamente e proprio per i suoi 3000 metri di altitudine e per la presenza del ghiacciaio è ideale per ospitare un evento di sci alpinismo a fine stagione. Assieme agli altri ideatori ci siamo messi al lavoro individuando un percorso impegnativo e tecnico. Diventerà sicuramente una grande gara. Fra l’altro in questi giorni sono caduti 20 centimetri di neve fresca a garantire la perfetta riuscita dell’evento».
Il via verrà dato presso il rifugio Cima 11 a quota 1080 metri, quindi subito verrà affrontata la prima salita di 1185 metri di dislivello, che porterà gli atleti al primo cambio a quota 3265 di Punta Rocca, per poi scendere fino a Pian dei Fiacconi (2626 metri). Cambio pelli e partenza verso Punta Penia (3342 metri) che è il punto più alto della competizione nonché la cima più alta delle Dolomiti, con 716 metri di dislivello dell’ascesa. Seguirà poi una discesa tecnica fino a Col di Bous (2160 metri) per poi risalire per circa 150 metri fino all’ultimo cambio pelli prima di tagliare il traguardo, previsto sempre al rifugio Cima 11.
La quota di partecipazione è di 35 euro, mentre le iscrizioni sono aperte fino alle 15 di venerdì 20 aprile, quando alle 18 presso il cinema Marmolada di Canazei avrà luogo il briefing tecnico della gara. Informazioni e modalità iscrizioni su www.bogndania.com

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.