Francesco Civra ci racconta la sua avventura

Everest Hornbein Couloir, alla prossima

Quarantun giorni di spedizione: sul volto di Francesco Civra Dano si legge ancora oggi la fatica e lo stress di questa grande avventura. L’Hornbein Couloir non è arrivato in compenso sono state effettuate due bellissime discese su pendii incontaminati di cime mai salite dall’uomo. La prima è stata chiamata La Vallèe in onore della petite patrie, la seconda non è stata violata dal momento che Civra non è arrivato in vetta ma si è fermato sotto la meringa della vetta per poter sfruttare il pendio a 50° per un dislivello di 600 metri.
Il momento più difficile è stato il malore che ha colpito l’amico Marra: «Fortunatamente siamo riusciti a scendere piano piano a spazzaneve, se avessimo dovuto caricarlo a spalle sarebbe stato un dramma…» Per fortuna tutto sta andando per il meglio e le analisi scongiurano un danno permanente alla forte guida valdostana.
Attesa snervante di Civra e Joyeusaz per una finestra di bel tempo che non vuole arrivare. Poi la rinuncia definitiva.
Abbiamo incontrato Francesco a Morgex per un’intervista alla quale si presta molto volentieri: «Mangerei in continuazione: è l’effetto della spedizione e della quota. In ogni caso dopo una permanenza in quota così lunga sto continuando una cura preventiva a base di Cardioaspirina.»
Non ci sembra affatto scoraggiato il nostro sciatore che già pensa ad una prossima spedizione anche se ci confessa che sul Bianco qualche discesa c’è ancora, non è stato tutto fatto…»
Ne siamo certi, ma proprio perché molto è già stato fatto crediamo che quanto rimane sia davvero di estrema difficoltà.
Ecco l’intervista e alcuni filmati live girati a se stesso da Francesco durante la discesa nel gruppo dello Chantze.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.