Davide Magnini domina con record la Rosetta Verticale, nella gara rosa a segno Corinna Ghirardi

Tappa finale del Trentino Vertical Circuit

La Rosetta Verticale Trail Run e il Trentino Vertical Circuit cambiano padroni. A trionfare nell’ultima tappa della challenge di corsa in quota con sola ascesa lungo il tecnico percorso di gara che da San Martino di Castrozza ha portato i 230 concorrenti a Cima Rosetta, sono stati Davide Magnini e Corinna Ghirardi. Grazie a questa affermazione entrambi si sono aggiudicati la leadership nella classifica generale del Trentino Vertical Circuit.
Al termine dei 6,9 km del percorso, con un dislivello positivo di 1279 metri, che si è sviluppato sul versante ovest delle pendici del Cimon della Pala, transitando per il Rifugio Colverde, per imboccare poi il sentiero 701 verso il Dente del Cimon, passando sotto Cima Corona e nei pressi della Funivia Rosetta, per cimentarsi poi nell’ultimo tratto su ghiaione fino all’arrivo a Cima Rosetta, Davide Magnini ha fermato il cronometro sul tempo di soli 52’22”, migliore di 1’13” rispetto al precedente. In campo femminile invece Corinna Ghirardi ha vinto con autorità, ma non è riuscita a migliorare la prestazione che ottenne Cecilia De Filippo.
Davide Magnini e Corinna Ghirardi re e regina, dunque, della seconda edizione della Rosetta Verticale Trail Run, entrambi controllando gli avversari dall’inizio alla fine. Davide sulle prime inversioni sotto la cabinovia Colverde era tallonato dal leader del circuito Patrick Facchini, conTiziano Moia poco distante. Già al passaggio nei pressi del Rifugio Colverde il vermigliano del Centro Sportivo Esercito era riuscito a staccare l’alfiere del team La Sportiva, iniziando una cavalcata solitaria nel tratto più impegnativo, in un paesaggio lunare, fino all’arrivo di Cima Rosetta. La lotta per i rimanenti gradini del podio si è decisa sulle prime inversioni del sentiero 701, quando Tiziano Moia è riuscito a superare e a staccare un Facchini non proprio in forma smagliante in questa giornata. Da quel momento in poi le prime tre posizioni non hanno cambiato l’ordine. E così Magnini ha tagliato il traguardo con il tempo di 52’22”, quindi a 1’31” Tiziano Moia, a 4’01” Patrick Facchini, a 4’53” Tarcisio Linardi, a 5’02” Elia Costa e a 6’07” Francesco Lorenzi. Poi ecco Simone Costa e l’atleta di casa Daniele Meneghel, quindi Pietro Festini Purlan e Nicola Giovanelli.
Gara in solitaria anche per Corinna Ghirardi, capace di concludere la sua prova con il tempo di 1h09’48”. Prova tutta in rimonta poi per Veronica Bello, che è riuscita a superare Susanna Neri nei pressi dell’arrivo della Funivia e a chiudere con un distacco di 4’31” dalla vincitrice, mentre il ritardo della terza classificata dalla leader è risultato di 5’05”. Quarta poi l’atleta di casa Deborah Pomarè, seguita da Daniela Miatello e dalla giovane Valentina Loss.

Corinna Ghirardi ©Pegasomedia

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.