Corsa in montagna, assegnati gli scudetti staffette

Titolo maschile alla Corrintime, quello rosa alla Recastello Radici

Su un tracciato tecnico e impegnativo, nel cuore delle Orobie, 180 squadre e oltre 300 atleti in gara per l’ultimo appuntamento tricolore della cosa in montagna della stagione 2015. Sorridono la neonata Corrintime, vincitrice del titolo assoluto maschile con Antonio Toninelli, Martin e Bernard Dematteis, e la Recastello Radici che ha stravinto gara e titolo in rosa con il binomio Ilaria Bianchi e Samantha Galassi.
Campionesse italiane delle altre categorie sono Giulia Zanne e Federica Zanne dell’Atletica Brescia (Junior), Ivana Iozzia e Daniela Paterlini della Calcestruzzi Corradini (Master A), Daniela Bonaiti e Silvana Bonaiti dell’Atletica Valle Brembana (Master B), Angela Pin e Ermina Furegon dell’Atletica Aviano (Master C). Al maschile tricolore sulle spalle di Luca Ventura e Simone Lochner dell’Atletica Trento (Junior), Giuseppe Antonini, Cristian Badini e Claudio Del Moro dell’Atletica Paratico (Master A), Gianbattista Muttoni, Pietro Riva e Italo Conti della Polisportiva Pagnona (Master B), Ruggero Bassanelli e Gian Mario Merelli della Recastello (Master C).
Migliore di giornata Bernard Dematteis con 36’20”, ma molto bene sono andati anche il valdostano Xavier Chevrier 37’50” e Martin Dematteis 38’26”. Messi in archivio i tricolori, ora gli azzurri torneranno al raduno in altura al Sestriere per preparare nel migliore dei modi le gare iridate in programma sabato 19 settembre in Galles.      

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.