Tour du Grand Paradis, la presentazione ad Aosta

La gara a coppie in programma domenica 13 aprile

Presentazione ad Aosta, nella sala conferenze della Biblioteca Regionale, della sesta edizione del Tour du Grand Paradis, la gara a coppie in programma domenica 13 aprile da Pravieux in Valsavarenche.
A fare gli onori di casa è stato il sindaco di Valsavarenche Giuseppe Dupont: Questa competizione per la nostra piccola comunità è un momento importante e siamo orgogliosi che atleti provenienti da molti paesi d’Europa vogliano venire a gareggiare sul Gran Paradiso. Inoltre il Tour ricorda Renato Chabod, una persona che ha segnato la nostra storia. Intitolare la nostra gara a Chabod è un valore aggiunto che pochi possono vantare».
 
PERCORSO – La guida alpina Ilvo Martin ha presentato il tracciato che in questi giorni, insieme ai numerosi volontari, sta iniziando ad allestire e a mettere in sicurezza. «Le condizioni del manto nevoso – ha detto Martin – sono molto buone, la neve in quota si sta trasformando e quindi riteniamo che le condizioni fra meno di due settimane possano essere ideali».
La partenza sarà data in località Pravieux – Pessey (1834 mt) alle ore 8 (con possibilità di due partenze scaglionate alle 7.45 e 8). Nella prima parte si segue il sentiero estivo, poi su pendii aperti si arriva nei pressi del rifugio Chabod (2750 metri) dove si troverà il primo ristoro.
Arrivando sul ghiacciaio di Lavaciou (3200 mt) ci sarà il primo cambio d’assetto (gli atleti si dovranno legare in cordata) – primo controllo e cancello orario fissato a 2:15’ dalla partenza. Si prosegue poi sul ghiacciaio seguendo il percorso estivo sino alla ‘schiena d’asino’ a quota 3700 mt dove ci sarà il secondo controllo e il cancello orario 3:30’ dalla partenza.
Si prosegue ancora per un tratto sino a Moncorvé (3800mt di quota), trovando il secondo cambio d’assetto (sci sullo zaino e a discrezione della giuria si calzano i ramponi e si usa la longe sulla corda fissa). Finito il tratto attrezzato di circa 70 mt. di dislivello, si incontrerà il terzo cambio d’assetto, si calzeranno gli sci e si salirà verso la cima del Gran Paradiso (4000 mt. Circa) per il quarto cambio d’assetto (cambio pelli).
In discesa si arriva nuovamente nei pressi del bivacco per trovare il quinto cambio d’assetto (gli atleti si slegano). Lungo il ghiacciaio del Gran Paradiso si arriva al rifugio Vittorio Emanuele II a 2734mt di quota, sesto cambio d’assetto (cambio pelli), terzo controllo e cancello orario 5:00’ dalla partenza. In questa zona ci sarà anche il terzo ristoro.
Si risale sin sotto le pendici del Ciarforon a 3000mt circa per trovare il settimo cambio d’assetto (cambio pelli). In leggera discesa si attraversa tutto il versante sotto la Monciair e i denti di Broglio per arrivare nella parte alta del vallone del Grand Etret (quarto posto di controllo). Si scende infine lungo il vallone, per arrivare a Pont (1960 mt) dove è posto l’arrivo.

IL LOGO DEL TOUR DU GRAND PARADIS – Il logo ufficiale del Tour du Grand Paradis – Trofeo Renato Chabod è stato ispirato da un disegno di Renato Chabod ‘Gran Paradiso dal Tramouail di Djuan’ che si trova nel volume dedicato al Gran Paradiso della collana ‘Guida dei Monti d’Italia’ edita congiuntamente da Club Alpino Italiano e Touring Club Italiano. E’ uno schizzo estratto dalla terza edizione del 1980, della quale Chabod curò l’aggiornamento con Ugo Manera e Corradino Rabbi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.