Già disponibile nell’edicola digitale Skialper 119 di agosto-settembre

160 pagine con uno strillo inequivocabile: a piedi. Dal 2 agosto anche nelle edicole

1230

È già disponibile nell’edicola digitale di Skialper il numero 119 di agosto-settembre, 160 pagine con uno strillo di copertina inequivocabile: a piedi. Un numero per riscoprire il piacere di rallentare, per riscoprire se stessi e gli altri, per dare uno sguardo diverso sul mondo, camminando. Più o meno veloci. Perché «camminare non è un’attività di serie b, ma un dono prezioso» come scrive Claudio Primavesi nell’edito. Chiedete Skialper 119 al vostro edicolante di fiducia a partire dal 2 agosto oppure, se proprio non lo troverete, potrete sempre acquistarlo direttamente sul sito di Mulatero.

ENRICO BRIZZI, PARTIRE ADESSO – Simone Sarasso, scrittore che ha appena ritirato il prestigioso premio Bancarella Sport con la biografia di Loris Capirossi, intervista un altro scrittore, Enrico Brizzi. Uno scrittore che ha fatto del camminare una ragione di vita, percorrendo a piedi i cammini storici, le Alpi, il Medio Oriente. E ha scritto bellissime pagine sull’argomento. Enrico Brizzi nel cammino ha ritrovato l’ispirazione per scrivere e lo confessa a Sarasso in un’intervista tutta da leggere durante le vacanze estive.

GREAT HIMALAYA TRAIL – 24 giorni. Per percorrere il Nepal da ovest a est: 1.500 km e 70.000 m di dislivello. Ma i numeri sono solo un dettaglio e il tempo record fatto registrare un aspetto secondario della straordinaria impresa dell’ultra runner sudafricano Ryan Sandes e del connazionale Ryno Griesel, di 24 giorni che hanno cambiato il modo di guardare la vita dei due. Undici pagine di reportage con le spettacolari immagini del fotografo Dean Leslie, un viaggio dei piedi ma anche della mente. Un altro spunto di riflessione per le vacanze…

©Red Bull Content Pool/Dean Leslie
©Red Bull Cotent Pool/Dean Leslie

10 ZAMPE, UN UOMO E DUE CANI – Giorgio Garello nella sua vita di appassionato runner non si è fatto mancare certo l’adrenalina. Oltre un centinaio di gare dalla maratona in su e poi secondo ai Campionati italiani di corsa su strada 24 ore e secondo alla Nove Colli. Ma da qualche anno è iniziata una seconda fase della sua vita, quella del cammino. In compagnia di Walk e Noosa, due splendidi cani Border Collie. Con loro percorre migliaia di chilometri ogni anno. E anche questo vuol dire a piedi… «Uscire con i cani, per un paio di ore o per giri più lunghi, mi permette di passare tanto tempo con loro, sono un po’ il capobranco – dice Giorgio – . È un percorso graduale, non so come è successo, ma ora associano decine di suoni e gesti e mi capiscono: Walk, quando vede un capriolo, mi guarda e mi chiede il permesso di seguirlo».

Daniele Molineris

RITORNARE – Giacomo Frison e Glorija Blazinšek percorrono gli altipiani da un punto all’altro, alla scoperta di luoghi, villaggi e soprattutto persone fuori dalle rotte di massa e dalla storia. E amano ritornare, per ritrovare quelle stesse persone e quegli stessi luoghi. Come per esempio nell’Alto Atlante marocchino, dove è ambientato il bellissimo articolo che pubblichiamo in questo numero di Skialper, alla scoperta dei villaggi berberi.

©Giacomo Frison

TREKKING AL FRONTE – Sono esattamente cento anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale e nel comprensorio turistico Pontedilegno Tonale ci sono due percorsi che permettono di andare alla scoperta di fortificazioni e trincee dove si è scritta la storia di questo conflitto. Forti tra i boschi, ma anche gallerie, passerelle e feritoie a 3.000 metri di quota, dove si trovano ancora munizioni e gavette dei soldati. La giornalista Tatiana Bertera e il fotografo Matteo Pavana sono partiti alla scoperta del facile Giro dei Forti e del più impegnativo sentiero attrezzato dei Fiori.

©Matteo Pavana

ALTAVIA DOLOMITI BELLUNESI – Sta nascendo dall’idea di un visionario illuminato come Teddy Soppelsa e dalla forza di volontà di un gruppo di ragazzi del CAI di Feltre quello che gli ideatori stessi definiscono Dolomites Wildest Path, il sentiero più selvaggio delle Dolomiti. Ed effettivamente è proprio così, il nuovo trekking di sette tappe (noi l’abbiamo percorso in sei) percorre uno degli angoli più belli e selvaggi dei monti pallidi, lontano dal turismo di massa e dai rifugi cinque stelle. Se volete scoprire il lato più autentico delle Dolomiti eccovi accontentati!

©Roberto De Pellegrin
©Roberto De Pellegrin

TERMINILLO, STORIA DI UN’EVASIONE POSSIBILE – Quattro ragazzi, la fuga da una Roma infuocata per il caldo e, con i mezzi pubblici, l’arrivo alle pendici del Terminillo. Fuggire dalla città per camminare e scoprire la natura e piccoli borghi come Micigliano è possibile!

©Luca Parisse/Risk4Sport

PERÙ, SOGNA IN GRANDE E OSA FALLIRE – Voli in Sud America per andare a sciare una parete ripida dell’Ausengate, Cordilllera Vilcanota e poi… dopo trasvolate, interminabili trasferimenti in pullman, cavallo e a piedi, ti rendi conto che quella montagna è insciabile. Non importa perché, come scrive Federico Ravassard, autore del testo e delle splendide foto, curvare con gli sci sulla neve «è sempre una figata». E partire alla scoperta di luoghi quasi inesplorati un privilegio. Un reportage di nove pagine in compagnia di Enrico Mosetti e Davide Limongi, da non perdere!

©Federico Ravassard

NORTH3 – Scalare la Nord di tre montagne simboliche raggiungendole in bici e in meno di 48 ore. Ecco l’ultima sfida di Simon Gietl e Vittorio Messini. Vinta. O quasi. Le tre montagne sono Ortles, Tre Cime di Lavaredo e Grossglockner e Skialper pubblica in esclusiva per l’Italia il reportage di questa bella avventura.

©Storyteller-Labs

19 ANTEPRIME PER… IL 2019 – Abbiamo voluto scherzare un po’ con i numeri, ma le 19 novità per la primavera-estate 2019 che presentiamo sono davvero interessanti! Non solo gli highlight della fiera Outdoor di Friedrichshafen, ma anche quelli delle aziende che sul lago di Costanza non erano presenti.

GRAND HOTEL SOTTO LE STELLE – Ovvero, una tenda, un materassino e un sacco a pelo: sei tende tre stagioni e light e cinque materassini in prova e poi, le ricette vegane di uno chef appassionato campeggiatore.

©Federico Ravassard

CAMPO BASE FERRINO – Fondata bel 1870, Ferrino è una delle aziende storiche del mondo outdoor. Siamo stati nella sede torinese e nel campo test estivo ai 3.500 metri del rifugio Quintino Sella per renderci conto di come vengono progettati e soprattutto testati zaini e tende.

MAI PIÙ SENZA ACQUA – Quando hai sete… è troppo tardi. Ecco perché è importante idratarsi correttamente prima, durante e dopo allenamenti e gare di trail running. Siamo stati ad allenarci con il portacolori del team Salomon Giulio Ornati e abbiamo provato gli ultimi soft flask e reservoir Salomon. Non mancano i consigli del medico Alessandro Da Ponte.

©Andrea Salini/Outdoor Studio

KAPTIVA, DI NOME E DI FATTO – È una delle scarpe da trail più attese del 2019 e l’abbiamo fatta provare in anteprima al trail runner Michele Tavernaro. Stiamo parlando, naturalmente, di La Sportiva Kaptiva…

KIENZL 200 E LODE – Il 2018 è iniziato con la vittoria alla Transgrancanaria 360°. Ma l’altoatesino Peter Kienzl a vincere è abituato. Basta che le gare siano più lunghe di 200 chilometri, la sua distanza preferita. E ora punta al Tor des Géants… Lo abbiamo intervistato sul suo terreno di allenamento, a Merano 2000 e gli abbiamo fatto provare il nuovo Ultra Set Up di Dynafit.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.