Chi arriverà per primo a Verbier?

La Patrouille des glaciers decisiva per la Coppa del Mondo

L’ultima gara di Coppa è alle porte. Si tratta della Patrouille des glaciers, una gara complessa, lunga e difficile. Le difficoltà oltre che nel percorso lungo e vario consistono nella quota, nel fatto di correre al buio e di percorrere tratti legati in tre. Ma è anche la gara che potrebbe assegnare la Coppa del Mondo maschile – quella femminile è già saldamente in mano alla Pedranzini – che è in bilico fra Reichegger, Troillet e Kilian.
I due stranieri possono scartare una gara andata male mentre Manny, che si è sempre difeso bene e non è mai sceso sotto al quarto posto, ha qualche problema in più e si vede costretto ad ottenere un grande successo a Verbier per aspirare alla prestigiosa coppa.
Le squadre sono definite: gli azzurri schierano un tridente composto da Reichegger, Eydallin e Lanfranchi, un secondo tridente con Lenzi, Holzknecht e Pedrini. Dovranno guardarsi dagli Svizzeri, complessivamente molto forti, Troillet, Ecoeur e Anthamatten che saranno spinti alla vittoria dal tifo della gente dal momento che corrono in casa e godranno di tutte le attenzioni dell’ambiente intorno…
Killian avrà qualche problema in più ad acciuffare la Coppa: la sua pattuglia infatti è composta da Pinsach e dall’ex ragazzo prodigio Pastoret Solà. Ma la gara è lunga e i populaires da superare molti. Il freddo e la lunghezza potrebbero anche giocare brutti scherzi…
I francesi sembrano tagliati fuori dal discorso coppa ma non dalla vittoria di tappa: il terzetto Perrier, Bon Mardion, Blanc può far male… agli altri.
In campo femminile le reginette dello ski-alp hanno voluto come ancella Silvia Rocca e così le bormine in gara saranno tre. All’apparenza solo le svizzere potrebbero insidiarle.
Appuntamento sabato alla Rosa Blanche nella migliore delle ipotesi, oppure al Col de la Chaud.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.