Che Mezzalama!

….e che polemiche

Sono partiti in 1077 e sono arrivati in 762, mancano all’appello 105 squadre. Di queste “solo” 43 non hanno superato il cancello del colle del Breithorn, il resto si è ritirato o non ha passato il secondo cancello orario. Il numero la dice lunga sulla selettività di questa edizione del Mezzalama. Di certo il freddo è stato uno dei motivi principali, acuito dal forte vento in quota che, soprattutto sul Castore, ha fatto anche “vittime” illustri. Ma se davanti le prime 50 squadre sono riuscite a passare agevolmente, dietro è stata davvero dura. Rallentamenti prima, colonna poi ed infine tutti fermi. Perché è chiaro che se anche la traccia è doppia, sull’affilata cresta del Castore si passa uno alla volta. E così tutti fermi ad aspettare il proprio turno con l’inevitabile conseguenza che ci si ghiaccia. Ci sono dei però, io c’ero e posso testimoniarlo. Più di qualcuno ha deciso di mettersi la giacca durante la salita sul Castore e per farlo non è uscito dalla traccia. Ha svolto tranquillamente le operazioni fermando tutti. Per non parlare dei ramponi. Chi li perdeva tentava di rimetterli ma sempre restando in traccia, altri proprio non provavano a rimetterli portandoli a spasso a mo’ di guinzaglio. Conseguentemente arrivavano sotto la scala con il rampone penzolante, questo si incastrava tra un piolo e l’altro …. No ragazzi così non si va da nessuna parte!  Stare fuori al secondo cancello orario per pochi minuti quando magari si è perso un quarto d’ora fermi sul Castore fa male, ed i numeri parlano di circa 55 squadre. Sta montando la polemica e allora ho contatto telefonicamente Adriano Favre.
La selezione è avvenuta al secondo cancello, l’attesa sul Castore sembra esserne la causa. Colpa dell’organizzazione?
Ognuno si prenda le proprie responsabilità, voglio ricordare che il Mezzalama è una gara di sci – alpinismo. Sapersi muovere in alta montagna è fondamentale in una competizione così.  Troppa gente ha dimostrato di non saperlo fare, e voi lo testimoniate. Abbiamo recuperato gente che praticamente correva in mutande, sotto la tutina non aveva nulla. Avevamo previsto -10° di temperatura non + 10°. Squadre che hanno passato il primo cancello per pochi minuti è quasi inevitabile che poi restino fuori. La proiezione è che in quota non si recuperi tempo, se poi le condizioni meteo sono severe come ieri, chiaro che tutto si complica.
Avevate valutato l’ipotesi di concedere 15’ in più al secondo cancello?
Si certo, avrebbe significato spostare il problema sul Naso, tenendo in giro persone affaticate sul tratto alpinistico e mettendo a repentaglio la sicurezza.
Si può risolvere il problema con le partenze scaglionate ?
Non si possono distanziare le partenze di un’ora, si parte presto anche per motivi di sicurezza. Siamo stati tacciati di essere selettivi e di aver alzato troppo l’asticella della competizione ponendo quei cancelli orari. Questi sono i risultati di non averli abbassati ulteriormente, permettendo così alla massa di prendervi parte sulla base di una preselezione da noi effettuata che ha come unico parametro il curriculum che ci viene inviato.
  Il Mezzalama è una delle gare più belle al mondo di scialpinismo, ma di certo è la più difficile da organizzare. Portare oltre 1000 persone sul Castore significa davvero assumersi delle grandi responsabilità. 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.