Thévenard vince la terza UTMB, ma l’Italia festeggia il settimo posto di Stefano Ruzza

Gara da incorniciare del francese, unico sopravvissuto dei big, usciti o attardati nel buio e nel gelo della notte. Kilian costretto al ritiro da una puntura d'ape

il trionfatore, Xavier Thévenard ©UTMB/Zoom

In una cento miglia non si possono mai fare previsioni e all’UTMB ancora meno. L’edizione 2018 è stata probabilmente la più ricca di colpi di scena. I pronostici della vigilia erano per una sfida Kilian-Walmsley. Invece… Invece come in un giallo di Agatha Christie i favoriti (e le favorite) sono spariti uno a uno nel buio della notte, della pioggia e del gelo del Monte Bianco. E alla fine a Chamonix è arrivato ‘en souplesse’ lui, Xavier Thévenard, monsieur UTMB, con tutte le gare di Chamonix vinte e, da questo pomeriggio, con tre UTMB nel palmarès, come D’Haene e Kilian. Chapeau.

RITIRI – Subito a fare ritimo Walmsley, poi a tirare l’altro yankee, Zach Miller, infine nella notte, dalla valle di Les Contamines, un trio formato da Kilian, Miller e Walmsley. A seguirli gli altri big, a partire da Sylvain Court, Luis Alberto Hernando, Xavier Thévenard, Tim Tollefson, Michel Lanne e Jordi Gamito. Il primo a eliminarsi è stato Walmsley (e a confermare che non si può vincere WS100 e fare bene a Chamonix): per lui problemi al Col de la Seigne e la testa della corsa persa, poi nella discesa qualche problema (una storta) per Hernando e ritiro a Courmayeur. Dopo Courmayeur il colpo di scena più inaspettato, il forfait di Kilian Jornet. Per lui una puntura di ape qualche ora prima del via, il tentativo di metterci una pezza (è anche allergico) senza usare medicinali proibiti dalla Wada, la scarpa che entra bene e non dà fastidio, ma da sibuto vomito, impossibilità di mangiare e altri fastidi. Nella salita dopo Courmayeur i problemi sono aumentati, uniti alla fatica a respirare. Ecco dunque che a fare la gara sono stati Zach Miller e Xavier Thévenard, con il primo che ha pagato la salita al Col du Grand Ferret ed è uscito da Champex-Lax con 15 minuti di ritardo dal francese. La passerella rossa verso Chamonix era pronta: 20h44’16’’ il suo tempo. Secondo il sorprendente romeno Robert Hajnal (21h31’37’’) e terzo lo spagnolo Jordi Gamito (21h57’01’’). Ma il bello, per noi italiani, doveva ancora venire, perché uno straordinario Stefano Ruzza (23h02’19’’) ha chiuso al settimo posto. Per l’atleta del Team Vibram una prova maiuscola che rimarrà per sempre nella storia della gara di Chamonix e dei colori azzurri, il secondo migliore piazzamento dopo quelli di Olmo.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.